MENU SUPERIORE

Cloud Computing

cloud computing

Cloud Computing nelle imprese


Sempre più aziende scelgono il cloud per la crescita del proprio business.

E’ quanto risulta da un’indagine condotta dalla IDG per conto di NetApp. L'indagine, denominata "Cloud adoption, benefits and strategy" si è sviluppata attraverso un sondaggio che ha coinvolto  113 membri del CIO Forum su Linkedin. Il sondaggio ha evidenziato come l’adozione di strategie di cloud computing sia frutto di una valutazione attenta,  condotta sulla base di un approccio concreto e consapevole. Antonio Lupo, marketing manager della NetApp,  ha affermato che:  “…Così come il consolidamento e la virtualizzazione dell'ambiente server migliorano l'efficienza dell'IT,  lo storage è l'elemento chiave di ogni infrastruttura cloud e può contribuire al successo di un azienda oppure ostacolarlo, se non viene valutato con attenzione. Una infrastruttura virtualizzata e condivisa efficiente e flessibile basata su NetApp permette alle aziende di evolversi verso un modello di cloud computing sicuro seguendo il proprio ritmo di crescita."

 

Dall’indagine è emerso che una strategia cloud efficace consente di ridurre i costi, migliorare la flessibilità nei processi del business e assicura maggiore velocità di risposta alle esigenze del mercato. E' emersa anche la consapevolezza che,  per ottenere risultati significativi,  è essenziale adottare un approccio olistico e globale, in grado di sfruttare al meglio le competenze. Soprattutto le aziende sono interessate ad una strategia globale e a un approccio concreto al cloud computing, un approccio che comprenda modelli di cloud privato e pubblico in base alle necessità delle applicazioni e il supporto di partner competenti. E' ormai evidente infatti che un'infrastruttura cloud mal progettata non può avere successo nel lungo termine.

I principali risultati dell'indagine IDG-NetApp mettono in luce che:

  • si stanno utilizzando o implementando servizi di cloud computing nella  maggior parte delle aziende, tanto che il  73% degli intervistati ha già due o più progetti attivi o in corso;
  • gli investimenti nel cloud computing hanno incrementato il business, con risparmi medi pari a 350.000 dollari nelle aziende che lo hanno implementato, attraverso una più veloce distribuzione delle applicazioni, la rimozione o sostituzione di strutture legacy e una maggiore velocità nella introduzione di nuovi prodotti sul mercato.  

I benefici ricavati dal cloud computing pubblico e privato sono diversi.

Investimenti in  cloud computing pubblico generano i seguenti vantaggi:

  • possibilità di acquistare ed utilizzare le risorse quando servono, in base alle necessità (77%);
  • scalare orizzontalmente e verticalmente per rispondere a flussi di lavoro variabili (77%);
  • riduzione dei tempi di provisioning (72%).

Investimenti nel cloud computing privato sembrano generare i seguenti benefici:

  • maggiore efficienza dell'IT e consequenziale riduzione dei costi (71%);
  • diminuzione del downtime e delle interruzioni pianificate (59%);
  • migliorati livelli di servizio (70%);
  • maggiore sicurezza (57%).

Dffusa la convinzione che una strategia cloud definita a livello aziendale permette di ottenere migliori risultati rispetto alle decisioni prese a livello di business unit. Il messaggio è chiaro: adottare una strategia cloud efficace permette di ridurre i costi, migliorare la flessibilità del business e assicurare una veloce risposta alle esigenze del business. Ma per ottenere risultati significativi è essenziale adottare un approccio olistico e globale, in grado di sfruttare al meglio le competenze sia dal lato IT sia dal lato business dell'azienda.

Questo sito utilizza i cookie per consentire una migliore navigazione

Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.